Perchè c’è una USB nel muro? Dead Drops

Ultimamente troviamo sempre più spesso l’immagine di una pen drive in una parete. In molti penserete perchè mai ci sarà una pen drive sul muro? Il creatore di questa nuova tendenza si chiama Aram Bartholl, un artista tedesco.

Questa iniziativa è nata nel 2010 e sta prendendo sempre più piede. I primi cinque “Dead Drops” sono stati installati nella città di New York. I creatori di questo movimento attualmente stimano che ci saranno oltre 1400 Dead Drops installati in tutto il mondo.

La sua premessa è semplice: inserire chiavette usb nei muri degli edifici  in modo tale che chiunque con un computer portatile possa connettersi. In questo modo, la rete anonima permette di poter condividere file, musica, immagini o testi tra sconosciuti. Dead Drops è un progetto aperto a tutti, e i suoi creatori invitano la comunità a prendere parte all’iniziativa e ad installare un Drop Dead nella tua città o nel tuo quartiere. Per fare ciò, bisogna seguire le istruzioni del sito web o il video (a continuazione) che spiega passo per passo come incorporare una pen drive in una parete. Una volta posizionata, è necessario inviare la posizione e le foto.

E allora perché esistono i servizi di Cloud? Questo movimento va proprio contro queste nuove tecnologie con l’intento di liberalizzare l’informazione, che si basa sulla condivisione pubblica di una chiavetta USB inserita in un muro e fissata con il cemento.

Per far sì che venga considerato Drop Dead deve essere montato dal tuo computer come dispositivo di memoria di massa leggibile e modificabile senza alcuna applicazione né programma preinstallato; i Dead Drops non devono essere sincronizzati o collegati tra loro dato che ciascuno di essi è unico nel suo genere.

Che succede quando piove?

I seguaci di questo movimento raccomandano che quando si installa un Drop Dead  si faccia in posti che non siano esposti agli agenti atmosferici in modo che non possano danneggiarsi per colpa dell’acqua, del troppo sole, ecc .

This entry was posted in Senza categoria and tagged , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.